HERAMASS PRONTO

heramass pronto

SPECIALE MALTA PRONTA PER MASSETTI AD IDRATAZIONE ED ASCIUGAMENTO MEDIO-RAPIDI.

CONFORMITÀ
I massetti realizzati con HERAMASS PRONTO in accordo alle disposizioni riportate nella presente scheda tecnica sono classificati come CT-C25-F6-A1fl secondo UNI EN 13813.

CARATTERISTICHE TECNICHE

HERAMASS PRONTO è il massetto tradizionale pronto all’uso ad applicazione con consistenza “terra umida”, costituito principalmente da cementi ad alta resistenza, cariche minerali di granulometrie selezionate e additivi speciali, miscelati tra loro secondo la scrupolosa ricerca del laboratorio HERAKEM.

Progettato per la realizzazione di massetti galleggianti di spessore compreso fra i 3,5 ed i 6 cm, è utilizzabile anche per realizzare spessori minori (massetti aderenti) o per riempire spazi tecnici necessari per inglobare impianti a pavimento e per portare in quota i piani di calpestio. Le elevate resistenze meccaniche, l’attenta e costante dosatura dei componenti, l’alta stabilità dimensionale, il rapido asciugamento ed l’eccellente lavorabilità garantiscono l’esecuzione di sottofondi di posa perfetti

CAMPO DI APPLICAZIONE

HERAMASS PRONTO si usa per la realizzazione di massetti sia galleggianti che aderenti, su nuove e vecchie solette, all’interno e all’esterno in ambientazioni civili o industriali, per la posa di piastrelle, parquet, materiali resilienti e pietre naturali.
HERAMASS PRONTO è ideale per realizzare massetti riscaldanti, dove si richieda l’annegamento di serpentine radianti.
Data la praticità d’impiego HERAMASS PRONTO è il prodotto ideale nella ristrutturazione, specie nelle zone dove non è possibile trovare inerti di granulometria appropriata, o nei centri storici, ove non sono presenti spazi adeguati per lo stoccaggio dei leganti e degli inerti. Le sue caratteristiche tecniche ne permettono l’impiego anche in ambientazioni civili, uffici, commerciali, ecc
.

 

TIPO CONFEZIONI   Sacco da 25Kg

 

INDICAZIONI OPERATIVE

Per poter stendere il massetto in HERAMASS PRONTO i supporti devono essere puliti, asciutti, consistenti e resistenti alla compressione, privi di ritiro e non soggetti a risalita di umidità; in tal caso interporre un foglio di polietilene tra massetto e soletta.

Impastare la polvere con acqua pulita in ragione del 7 ÷ 8% circa pari a 1,7 ÷ 2 litri di acqua per 25 kg di prodotto per almeno 2÷3 minuti. HERAMASS PRONTO può essere preparato con miscelatore planetario, mescolatore a coclea, in betoniera o con pompa automatica a pressione. L’impasto ottenuto deve avere una consistenza di “terra umida”.
Stendere il prodotto e staggiare fino al livello desiderato, compattandolo poi adeguatamente con frattazzo di plastica o con macchina a disco rotante. La superficie che ne risulta deve essere omogenea, senza la presenza di parti incoerenti.

Predisporre lungo le pareti perimetrali, le colonne e gli elementi in elevazione (anche le tubazioni), un apposito nastro di materiale comprimibile dello spessore di 0,7-1 cm.
a) Massetto ancorato: assicurarsi che il sottofondo sia asciutto, pulito e consistente, esente da polveri oli tracce di gesso e quanto altro possa limitare l’adesione. Applicare con pennello una boiacca cementizia di ancoraggio (ponte di presa) per favorire l’adesione; questa boiacca è ottenuta impastando cemento Portland con HERALAX FLEX, diluito con acqua. Effettuare immediatamente la posa del massetto con la tecnica del "fresco su fresco". Nel caso di massetti ancorati è necessario raggiungere uno spessore minimo di 2 cm.
b) Massetto galleggiante: procedere alla stesura su tutta la superficie della gettata di fogli di polietilene (spessore minimo 0,2 mm) o di cartone catramato, così da formare una barriera al vapore, avendo cura di sormontare le giunzioni per almeno 20 cm. Gettare il massetto avendo cura di inserire in corrispondenza di eventuali sormonti (tipo tubazioni, ecc.) o avvallamenti una rete metallica fine a maglie esagonali. Nel caso di massetti desolidarizzati lo spessore minimo realizzabile è di 3,5 cm. Compattare accuratamente il materiale mediante uso di appositi attrezzi: il raggiungimento delle caratteristiche meccaniche dipende in modo sostanziale dal grado di compattazione.
Per ottenere una maggiore resistenza meccanica a flessione o per ottenere una più uniforme dissipazione del calore è possibile inserire una rete in acciaio elettrosaldato nel mezzo dello spessore del massetto.

EUH 208 Contiene cemento. Può provocare una reazione allergica. Il prodotto non è tossico, però il cemento portland contenuto può causare irritazioni alla pelle o gravi lesioni oculari. Non respirare le polveri, aerare gli ambienti durante la miscelazione e proteggersi adeguatamente con guanti, indumenti protettivi ed occhiali. Prima dell’utilizzo leggere attentamente le indicazioni riportate sulla confezione e consultare la Scheda Dati di Sicurezza.
Il prodotto applicato deve essere protetto dal gelo e da una rapida essiccazione per almeno 48 ore; evitare correnti d’aria. Normalmente una temperatura di +5°C viene consigliata come valore minimo per l’applicazione e per un buon indurimento del prodotto; al di sotto di tale valore la presa verrebbe eccessivamente ritardata.
  • Evitare l’utilizzo a temperature superiori a +30°C.
  • Nelle riprese di getto inserire sempre una rete elettrosaldata o spezzoni di tondino in ferro ed applicare il ponte di presa (boiacca cemento-lattice sintetico.
  • Per l’applicazione su materiali fonoisolanti, occorre dimensionare lo spessore del massetto in funzione della comprimibilità e dello spessore dell’isolante utilizzato; è sempre consigliabile l’utilizzo di rete elettrosaldata.
    Posare i pavimenti in legno, i pavimenti resilienti e simili solo dopo essersi accertati con igrometro al carburo che l’umidità residua sia inferiore al 2%. Per la posa di rivestimenti in legno su massetti realizzati su riscaldamento a pavimento è richiesta un’umidità residua ≤ 1,7 % (in conformità a quanto previsto dalla norma UNI 11371).
  • Posare i pavimenti in ceramica utilizzando un collante a buona elasticità tipo HERACOLL FLEX. La posa a regola d’arte di una pavimentazione in ceramica con metodo “a colla” su di un qualsiasi massetto a base cementizia, deve avvenire con un residuo massimo di umidità pari al 4% circa.
  • HERAMASS PRONTO deve essere usato allo stato originale senza aggiunte di materiali estranei.
Conservare il prodotto negli imballi originali integri, in locali asciutti e ed utilizzare entro 12 mesi dalla data stampigliata sul sacco. Prodotto conforme al DM 10/05/2004. Contenuto di Cr VI inferiore a 2 p.p.m.
Gli attrezzi impiegati possono essere puliti con acqua prima dell’indurimento dell’adesivo; successivamente la pulizia può avvenire soltanto mediante asportazione meccanica.
Per la realizzazione di massetti interni ed esterni ad indurimento ed asciugamento medio-rapido e ritiro controllato, utilizzare un prodotto predosato di classe CT-C25-F6-A1fl, tipo HERAMASS PRONTO della HERAKEM SRL
Aspetto polvere
Colore grigio
Deformabilità non deformabile
Massa volumica apparente in g/cm3 1,5
Residuo solido 100%
Conservazione in mesi 12
Infiammabilità no
Voce doganale 38245090
Rapporto di impasto in lt di acqua 1,7÷2  ogni 25kg
Massa volumica dell’impasto in g/cm3 2,0
Tempo di miscelazione in minuti 2÷3
Durata dell’impasto in minuti 40÷60
Temperatura di applicazione +5°C a +35°C
Pedonabilità (ore)* dopo 12
Transitabilità (ore)* dopo 48
Tempo di maturazione per la posa di pavimenti:  
 ceramici (ore)*  48÷72
  in legno (gg.)*  7
  PVC (gg.)*  7
Resistenza all’umidità ottima
Resistenza all’invecchiamento ottima
Resistenza agli oli ottima
Resistenza agli acidi e alcali scarsa
Resistenza alla temperatura -30°C a +90°C
Consumi espressi in kg/m2 18÷20 per 1mm
*DATI RILEVATI ALLE CONDIZIONI DI NORMA
La presente scheda tecnica si basa sulle conoscenze acquisite grazie alla nostra esperienza. Ci riserviamo il diritto di modificare i dati in essa contenuti in conseguenza di miglioramenti e progressi tecnici. Considerando i diversi materiali e le diverse tecniche di lavorazione, non sottoponibili al nostro diretto controllo, non possiamo assumere alcuna responsabilità per l’uso di queste indicazioni. Consigliamo pertanto di eseguire sufficienti prove in proprio e consultare il nostro servizio di Assistenza Tecnica.
 

 

Vedi anche: HERAPLAN 10 »